Connect with us

Evidenza

Il nostro NO.

Published

on


Il dibattito sulla riforma costituzionale che prevede la riduzione del numero dei parlamentari si sta facendo largo nell’opinione pubblica italiana e sta, giustamente, animando la discussione interna delle forze politiche.

Da canto nostro, siamo convinti che una forza giovanile abbia il dovere di schierarsi e non nascondersi. Di assumere, con coraggio, una posizione netta, forte, chiara, su un tema così delicato per la vita del nostro Paese.

Prima di entrare nel merito, crediamo sia necessario soffermarci su una questione di metodo: slegare la natura di questa discussione dal destino del governo.

Comprendiamo le ragioni di fondo che hanno portato molti Deputati ad esprimere un voto positivo nella quarta lettura alla Camera dopo tre voti contrari.

Siamo consapevoli che è ragionevole dire che senza quel voto, il Governo che messo in sicurezza l’Italia – dapprima per quanto attiene alla riaffermazione del proprio ruolo in Europa e nel mondo, in secondo luogo nella gestione dell’emergenza causata dal Covid-19 – non sarebbe mai nato.

Riteniamo però, che per quanto siano fondati i dubbi, da una parte di chi teme la  destabilizzazione del Governo, dall’altra di chi vede il pericolo che la bocciatura di questo taglio possa rappresentare l’epitaffio definitivo sul tentativo di costruire un’alleanza organica tra le forze politiche che compongono la maggioranza di Governo, questi non possano in alcun modo compensare gli effetti che un taglio lineare e svincolato da un quadro complessivo e coerente di riforme possa avere sulla qualità della democrazia e della politica del nostro Paese.

Questo perché – e veniamo al merito –  ancora prima del risparmio irrisorio, prima dello squilibrio oggettivo tra elettori ed eletti, prima dell’amputazione della rappresentanza che le realtà più periferiche e le minoranze politiche rischiano di subire, è per noi dirimente come sia evidente che al fondo delle motivazioni che hanno ispirato il taglio si trovi la risposta ad una pulsione antipolitica, che pure è oggettivamente presente nella nostra società.

Pulsione che siamo convinti sia giusto combattere, non assecondare.  

Prima che meno politici, infatti, questa riforma trasmette il messaggio che c’è bisogno di meno politica. Un’idea a cui, nel corso degli ultimi anni, abbiamo per troppe volte prestato il fianco nel tentativo di recuperare consenso.

A questo non è servita l’elezione di secondo grado dei consigli provinciali, la riduzione dei consigli regionali, come l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti.

Su questa strada non abbiamo prodotto una politica migliore, né una politica più “vicina al popolo”. Abbiamo, invece, consegnato alle giovani generazioni una politica esclusiva, appannaggio di pochi. Sacrificandone la rappresentanza.

Ci chiediamo, dunque, perché contribuire a rafforzare questa cultura?

Non ci sfugge che schierarsi contro il taglio può significare posizionarsi contro vento in larghi strati della nostra società e della nostra generazione. Ma a maggior ragione crediamo sia necessario farlo.  

Pensiamo sia necessario, anche al di là dell’esito referendario, condurre una battaglia culturale per non consegnare la politica e la democrazia alle ragioni della demagogia.


Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Leggi

Blog4 settimane ago

Elezioni universitarie a Torino

Come succede ogni due anni anche in questo particolare anno accademico si sono svolte le elezioni studentesche all’Università di Torino....

Blog1 mese ago

Mai più avrai sedici anni

Questo titolo era una frase inserita in un ritornello di una canzone un po’ datata di due grandi artisti Claudio...

Blog2 mesi ago

Se Zingaretti si vergogna del Pd

La notizia delle dimissioni di Nicola Zingaretti da segretario del PD non è arrivata come un fulmine in una giornata...

Blog2 mesi ago

Riders, ennesima sconfitta della politica

Il tema di quei tanti ragazzi e non soltanto che girano le nostre città con tutti le situazioni meteorologiche possibili é caldo...

Blog3 mesi ago

Siamo solo al primo tempo

Ieri è avvenuto l’avvicendamento. Forse non si era ancora pronti o fino alla fine non ci si voleva credere, ma...

Blog3 mesi ago

Sinistra, quattro risposte per Concita De Gregorio dal segretario di MGS

Sono il segretario di una organizzazione giovanile che ha nel nome la parola sinistra. Ne vado orgoglioso. Per cui il...

Blog4 mesi ago

Perché il PCI parla ai giovani

21 gennaio 1921-21 gennaio 2021. Sono passati 100 anni da quel giorno in cui l’ala sinistra e massimalista del Partito...

Blog4 mesi ago

Oggi, cento anni del P.C.I

“Noi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi può essere conosciuto, interpretato, trasformato, e messo...

Blog5 mesi ago

MANIFESTO 2020 – Il tempo di una nuova identità

L’anno della lotta alla pandemia sarà inevitabilmente uno spartiacque della storia. Ci sarà un mondo prima e un mondo dopo...

Blog9 mesi ago

Riders, non è più tempo di scherzare

Viviamo gli anni 20 del 2000. Siamo completamente inzuppati all’interno della modernità, all’interno di un mondo molto diverso e forse...