Connect with us

News

Coronavirus, l’Italia si conquista il ruolo di interlocutore internazionale di riferimento.

Published

on


Il fatto che un IRCCS italiano sia il primo centro europeo a genotipizzare il 2019-nCoV è un traguardo fondamentale: l’Italia a questo punto si conquista il ruolo di interlocutore internazionale di riferimento.

I virologi italiani dell’INMI (istituto nazionale per le malattie infettive) “Lazzaro Spallanzani”, a meno di 48 ore dalla diagnosi di positività per i primi due pazienti in Italia, sono riusciti, primi in Europa, ad isolare il virus responsabile dell’infezione.

«Aver isolato il virus significa molte opportunità di poterlo studiare, capire e verificare meglio cosa si può fare per bloccare la diffusione. Sarà messo a disposizione di tutta la comunità internazionale. Ora sarà più facile trattarlo.» ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Avere a disposizione in modo così tempestivo il virus è un passo fondamentale per l’Italia per due ragioni:

in primo luogo permetterà di perfezionare i metodi diagnostici esistenti ed allestirne di nuovi. Si aprono spazi per nuovi test e si compie un passo in avanti nella ricerca (obiettivo arrivare a sviluppare un vaccino efficace).

In secondo luogo i dati saranno a disposizione della comunità internazionale (database GenBank).

Il fatto che un IRCCS italiano sia il primo centro europeo a genotipizzare il 2019-nCoV è un traguardo fondamentale: l’Italia a questo punto si conquista il ruolo di interlocutore di riferimento.

Il virus isolato nei laboratori dello Spallanzani è stato denominato 2019-nCoV/Italy-INMI1.

Intanto, secondo quanto riferisce la WHO, i casi confermati al livello globale sono 11953 (di cui 11821 in Cina) con al momento 259 decessi al 1 di febbraio. Sono 23 i Paesi coinvolti oltre la Cina, tra cui l’Italia. I numeri sarebbero più alti secondo altri istituti (14628 casi e 305 decessi).

Il 2019-nCoV è un betacoronavirus a singolo filamento di RNA rilevato per la prima volta a Wuhan, in Cina, alla fine del 2019. In seguito alla rapida diffusione nella provincia di Hubei e successivamente in altri 23 Paesi, il 30 gennaio 2020 la WHO dichiara l’emergenza globale.

È stata confermata la trasmissione interumana, in particolare per mezzo delle goccioline respiratorie (fino ad un range di 1.8 m) emesse tramite colpi di tosse o starnuti. Stando agli studi (China’s National Health Commission) attualmente si ritiene che il virus possa essere contagioso anche durante il periodo di incubazione (3-10 giorni).

Non è ancora stato confermato quale possa essere il serbatoio naturale del 2019-nCoV nella fauna selvatica e quale sia l’ospite intermedio che lo ha trasmesso agli esseri umani. È verosimile che animali quali pipistrelli e serpenti venduti al mercato di Huanan possano essere il reservoir o l’ospite intermedio del virus, in quanto molti dei primi casi identificati lavoravano presso The Huanan Seafood Wholesale Market (武汉华南海鲜批发市场) ma per ora non c’è niente di certo.

I sintomi dell’infezione virale in questione includono febbre (90% dei casi), tosse secca, respiro corto e dispnea. La sintomatologia può ricordare in alcuni casi quella influenzale, in altri evolvere in polmonite, insufficienza renale acuta finanche all’exitus. È da sottolineare che molti dei deceduti presentavano già in precedenza un sistema immunitario indebolito per altre patologie, età avanzata o quadri di diabete, ipertensione o malattie cardio vascolari. In molti casi i medici cinesi sono stati in grado di curare gli affetti i quali hanno superato l’infezione.

Al momento non esiste ancora un trattamento standardizzato né un vaccino. Riuscire a trovarlo costituirebbe un grande traguardo per il Partito Comunista Cinese, il quale sta impegnando tutta la sua macchina organizzativa per risolvere il problema e velocizzare le contromisure.

La terapia del 2019-nCoV è in primo luogo volta all’alleviamento dei sintomi. Numerosi istituti di ricerca cinesi e internazionali sono al lavoro in questo momento per lo sviluppo di una terapia antivirale e di un vaccino con cui proteggere la popolazione.

Nel frattempo la cosa fondamentale è limitare la diffusione del patogeno. Fare prevenzione. È senza dubbio da rilevare l’incredibile e inedita messa in quarantena in Cina di milioni di persone a Wuhan e in altri grandi agglomerati urbani, oltre alla costruzione in tempi record di due ospedali da 2200 posti letto per ricoverare e curare gli affetti in strutture protette.

Andrea Zuddas
Resp. Sanità MGS

Fonti:

https://www.who.int/docs/default-source/coronaviruse/situation-reports/20200201-sitrep-12-ncov.pdf?sfvrsn=273c5d35_2

https://gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/bda7594740fd40299423467b48e9ecf6

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/genbank/2019-ncov-seqs/?fbclid=IwAR2LcZx59vDBCMmcgyZDt91S-oqm0ts687K61GSRLv_quCn0ZjrkgFx7f8Q

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp https://www.cdc.gov/coronavirus/index.html


Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Leggi

Blog7 mesi ago

Elezioni universitarie a Torino

Come succede ogni due anni anche in questo particolare anno accademico si sono svolte le elezioni studentesche all’Università di Torino....

Blog7 mesi ago

Mai più avrai sedici anni

Questo titolo era una frase inserita in un ritornello di una canzone un po’ datata di due grandi artisti Claudio...

Blog7 mesi ago

Se Zingaretti si vergogna del Pd

La notizia delle dimissioni di Nicola Zingaretti da segretario del PD non è arrivata come un fulmine in una giornata...

Blog8 mesi ago

Riders, ennesima sconfitta della politica

Il tema di quei tanti ragazzi e non soltanto che girano le nostre città con tutti le situazioni meteorologiche possibili é caldo...

Blog8 mesi ago

Siamo solo al primo tempo

Ieri è avvenuto l’avvicendamento. Forse non si era ancora pronti o fino alla fine non ci si voleva credere, ma...

Blog9 mesi ago

Sinistra, quattro risposte per Concita De Gregorio dal segretario di MGS

Sono il segretario di una organizzazione giovanile che ha nel nome la parola sinistra. Ne vado orgoglioso. Per cui il...

Blog9 mesi ago

Perché il PCI parla ai giovani

21 gennaio 1921-21 gennaio 2021. Sono passati 100 anni da quel giorno in cui l’ala sinistra e massimalista del Partito...

Blog9 mesi ago

Oggi, cento anni del P.C.I

“Noi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi può essere conosciuto, interpretato, trasformato, e messo...

Blog10 mesi ago

MANIFESTO 2020 – Il tempo di una nuova identità

L’anno della lotta alla pandemia sarà inevitabilmente uno spartiacque della storia. Ci sarà un mondo prima e un mondo dopo...

Blog1 anno ago

Riders, non è più tempo di scherzare

Viviamo gli anni 20 del 2000. Siamo completamente inzuppati all’interno della modernità, all’interno di un mondo molto diverso e forse...